BAbbo in Viaggio

IN VIAGGIO CON PAPA’ … UN LUOGO DOVE LA MAGIA DEL NATALE NON PASSA MAI

“Papà dove mi porti?”

Questa è la frase che mia figlia mi ripete ogni volta che siamo in viaggio insieme, macchina o bicicletta, non importa. Quando arriva il freddo, il primo pensiero è ovviamente collegato al Natale, la chiusura dell’anno, ma anche la festa più bella per un bimbo. Qualche volta, in concomitanza con le festività natalizie, mia figlia mi ha chiesto: “Papino, mi porti da Babbo Natale?”. Tra centri commerciali e feste organizzate, non è così difficile incontrarlo, ma non sarà mai quello vero.

Questo viaggio che vorrei suggerirvi, invece, vi potrebbe portare a realizzare davvero il sogno di tutti i bambini. Nessuno sa dove sia la vera casa di Babbo Natale, ma in Lapponia, nella splendida Rovaniemi, potreste visitare il suo ufficio postale dove, ogni giorno, arrivano lettere da ogni parte del mondo. Inoltre, nella sala del camino, insieme agli allegri Elfi, ogni giorno Babbo Natale accoglie tutti i bambini che vanno a trovarlo per ascoltare, e magari realizzare, i loro desideri.

La Lapponia, terra incredibile e affascinante, offre scenari naturali di rara bellezza come l’Aurora Boreale e tante attività invernali come le gite in slitta trainate da renne o dagli husky. Un mondo incantato tutto da scoprire dedicato ai piccoli sognatori, ma anche per i più grandi… visto che per alcuni luoghi non si è mai troppo cresciuti.

Il programma di viaggio è molto intenso e ricco: la partenza è il 10 dicembre per un totale di quattro notti di soggiorno. Il primo giorno, con arrivo a Rovaniemi da Milano, è previsto il trasferimento in Hotel e il ritiro del materiale termico utilizzabile per la vacanza.

Il secondo giorno, sempre a Rovaniemi, è prevista la visita di un allevamento di renne, dove si apprenderanno varie nozioni sulla vita di questi animali, simbolo dei paesi nordici. Poi un giro in slitta trainata da renne e successivamente visita ad un allevamento di cani husky. Anche in questo allevamento si riceveranno notizie su questi splendidi esemplari e, dopo imparato come si comanda una slitta, si partirà nella foresta per una breve escursione. Dopo un pranzo tipico finlandese, i bambini avranno a disposizione del tempo per giocare nella neve.

 

Il terzo giorno ci sarà un po’ di tempo libero per attività facoltative con pranzo libero e nel pomeriggio, finalmente, sarà possibile andare al Villaggio di Babbo Natale, dove sarà possibile incontrare Santa Claus, mandare una letterina dal suo ufficio postale, acquistare tanti ricordi di questo viaggio. Il pomeriggio prosegue con l’ingresso presso lo Snowman World, una struttura temporanea costruita in ghiaccio e neve dove adulti e piccini potranno divertirsi insieme con diverse attività invernali, come slittino o pattinaggio. Una cena tipica finlandese presso il ristorante di ghiaccio chiuderà questa fantastica giornata.

Il viaggio comprende l’abbigliamento termico, il trasporto aereo in classe economica, la sistemazione in camera standard con servizi privati, il trattamento di mezza pensione, i trasferimenti in bus privati, la guida in lingua italiana, attività ed ingressi come previsti nel programma, assistenza Alpitour in loco, assistenza da parte dell’agenzia corrispondente.

 

Per maggiori informazioni e quotazioni, si può tranquillamente contattare direttamente lo staff di Babbosettete all’indirizzo email info@babbosettete.it.

 

 

Condividi

post collegati

Commenti Facebook

Rispondi

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicatoIl Campo richesto è contrassegnato *

Leggi anche

UN PICCOLO GESTO PER CAMBIARE IL DESTINO DI BAMBINE E RAGAZZE DI TUTTO IL MONDO

Ogni giorno, in Italia, più di due bambini subiscono abusi e violenze. A livello globale circa 120 milioni di ragazze con meno di vent’anni hanno subito rapporti o altri atti sessuali forzati. Per accendere i riflettori sulla condizione di bambine e ragazze in Italia e nel mondo che non hanno nessun diritto e sono vittime di abusi fin dalla tenera età, Terre des Hommes ha lanciato la Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Indifesa” che si può sostenere fino all’8 marzo 2018 con un sms o chiamata al numero solidale 45549.

Babbo chi?


Ciao sono Emil Ceron ho 35 anni, sono appena diventato papà e……….. me la faccio sotto! Da quando Betta, la mia dolce caramella dal ripieno frizzante, mi ha annunciato candidamente che sarei passato dall’altra sponda: quella dei genitori, ho sentito la necessità di creare questo spazio condiviso in cui incontrarci fra papà del nuovo millennio, un porto sicuro in cui confrontarci, sfogare frustrazioni da sbalzi ormonali, parlare male della suocera, mettere a confronto le nostre esperienze per imparare insieme il mestiere del papà

Facebook

News in Pictures

violenza sulle bambine
scuola di inglese Pingu's English
decathlon sport pass

Commenti recenti