BAbbo in Viaggio

Vacanza magica nell’accogliente Club Esse Mediterraneo

Una location accogliente e familiare: il Club Esse Mediterraneo di Montesilvano, in Abruzzo, provincia di Pescara, è stata la sede delle mie vacanze estive con Fillide, la mia compagna, e Antinea. Consigliati dall’agenzia di viaggi Costruttori di Sogni, abbiamo scelto la prima settimana di settembre, evitando l’affollato agosto, sperando di potermi godere al massimo il mare Adriatico ma soprattutto le attività dell’Hotel. Nonostante le previsioni del tempo sembravano non essere molto rassicuranti, abbiamo trovato un clima perfetto, non troppo caldo, frizzantino la sera, che ci ha consentito di dormire sonni tranquilli e goderci gli ultimi scorci d’Estate.

 

 

Le camere del secondo e terzo piano della struttura sono state ristrutturate: pertanto, la mia nuovissima camera che affacciava sulla piscina si è rivelata molto confortevole e funzionale, grande e comoda per tutta la famiglia, nonostante le numerose borse e valigie che ci siamo portati.

Abbiamo scelto di arrivare per pranzo, con il desiderio di vivere prima possibile una domenica al Club Esse al 100%. La Reception ci ha subito invitato ad andare a mangiare, rimandando il check-in al primo pomeriggio. I ragazzi del Fun for Life, precisamente Roberto e Salvatore, ci hanno subito accolti calorosamente, dimostrando una disponibilità totale nei confronti degli ospiti da parte di un gruppo animazione davvero speciale.

Nel pomeriggio abbiamo esplorato la struttura, cercando di familiarizzare con l’ex Grand Hotel Mediterraneo, rilevato da Club Esse e rivalutato sotto tutti i punti di vista. Una bella scoperta è stata la Baby Room, dedicata alle famiglie con bambini fino a 3 anni, gratuita e ricca di servizi per tutte le necessità dei neonati. Abbiamo usufruito anche noi di questa opportunità che, per chi ha bimbi piccoli, fa davvero la differenza. Proprio accanto a questa saletta aperta h24, c’è una bellissima stanza ricca di giochi, dove si svolgono parte delle attività dell’Hero Camp, la sezione animazione dedicata ai bambini sopra i 3 anni e fino ai 17. Mia figlia ovviamente è stata catturata dal fascino dei giochi, dei colori, dell’ambiente sano e divertente, grazie anche alla bravura degli animatori.

 

 

 

Pranzo e cena del primo giorno sono bastati per confermare la qualità che già avevo assaporato dalle recensioni: un buffet antipasti ricco e sempre fornito, il bancone dei primi e dei secondi con ampia scelta, uno spazio dedicato ai secondi alla griglia, di carne e pesce a rotazione, e soprattutto l’angolo pizzeria, con due diversi tipi di pizza sfornati senza sosta ad ogni pasto. Dolci e frutta hanno concluso in bellezza un’esperienza culinaria che, nell’arco della settimana, ha sempre avuto la capacità di sorprenderci. E poi la colazione, un pasto importante che abbiamo sempre consumato per il piacere di farlo, uscendo sempre per ultimi dalla grande sala.

Nel pomeriggio abbiamo preso possesso di un ombrellone in spiaggia; una sistemazione temporanea, poiché non esistevano assegnazioni, ma ogni giorno si poteva cambiare posizione. Idea secondo me, valida, visto che, a seconda delle esigenze, abbiamo potuto scegliere di giorno in giorno dove appoggiarci. Inutile dire che, spesso e volentieri, ci fermavamo in ultima fila, per essere più vicini ai giochi per bambini che, fin dal primo sguardo, hanno fatto innamorare Antinea, felice di potersi perdere in questo autentico paradiso a portata di mano.

 

Ma il top è stato il dopo-cena: gli animatori hanno tenuto ad invitarci personalmente, sia durante la giornata che la sera, passando tra i tavoli, allo spettacolo di benvenuto. Il teatro, al chiuso e con una perfetta acustica, ha ospitato una serata divertente e simpatica che ha presentato le attività della settimana, ma soprattutto il folto e variegato gruppo di animazione, vero fiore all’occhiello del Club Esse. È stata una settimana davvero magica: le attività in spiaggia, i giochi caffè e aperitivo, il bingo, la lotteria, il cabaret, e poi il commovente video finale con le foto scattate dagli ospiti, che ci ha regalato un turbine di emozioni fortissime. Se ripenso, con piacere, ad ogni aspetto di questi sette giorni davvero rigeneranti, la cosa che più ci ha colpito è il coinvolgimento e il divertimento che i ragazzi dello staff animazione, capitanati da Emanuele ed Erika, hanno saputo trasmettere a tutto il Villaggio. Motivo per il quale, moltissime persone nella giornata conclusiva hanno versato lacrime e dispensato abbracci e fotografie con i ragazzi, beniamini dei più piccoli e amici dei più grandi.

 

La mia prima esperienza con Club Esse non può che essere decisamente positiva, sia dal punto di vista della struttura, che dell’accoglienza, che dell’animazione. Ci saranno certamente altre occasioni per soggiornare in strutture Club Esse, presente in diverse località italiane, come Sardegna, Calabria e Sicilia.

 

Il 2017, ad ogni modo, sarà ancora all’insegna di Club Esse: sabato 28 ottobre, infatti, parteciperò con piacere e curiosità alla grande festa organizzata dal gruppo Club Esse nella suggestiva location Officine Farneto, in via dei Monti della Farnesina nel cuore di Roma, evento esclusivo per rivivere le emozioni dell’Estate insieme ai molti amici conosciuti in vacanza.

 

Luca Rallo
Condividi

post collegati

Commenti Facebook

Rispondi

Il tuo indirizzo Email non sarà pubblicatoIl Campo richesto è contrassegnato *

Leggi anche

La leggenda del jazz Dianne Reeves sul palco di Piazza de Vero

Jazz Legend Dianne Reeves pronta ad esibirsi sul palco di Piazza de Vero per il secondo appuntamento della rassegna Nave de Vero.

Babbo chi?


Ciao sono Emil Ceron ho 35 anni, sono appena diventato papà e……….. me la faccio sotto! Da quando Betta, la mia dolce caramella dal ripieno frizzante, mi ha annunciato candidamente che sarei passato dall’altra sponda: quella dei genitori, ho sentito la necessità di creare questo spazio condiviso in cui incontrarci fra papà del nuovo millennio, un porto sicuro in cui confrontarci, sfogare frustrazioni da sbalzi ormonali, parlare male della suocera, mettere a confronto le nostre esperienze per imparare insieme il mestiere del papà

Facebook

News in Pictures